Impegno sociale

Noi crediamo fermamente che oggi più che mai il mercato del lavoro debba orientarsi verso un modello in cui, accanto alla tradizionale logica del profitto, possa trovare spazio anche un impegno sociale, in un circolo virtuoso mosso dalla generosità. Nel nostro piccolo, cerchiamo di sostenere progetti nei quali crediamo, a sostegno di chi è meno fortunato ma soprattutto dei giovani, perché dar loro aiuto e sostegno oggi, significa investire nel futuro di tutti noi. 

Piccoli gesti per grandi progetti

Nei vent'anni della nostra attività abbiamo sempre cercato di dare un nostro piccolo contributo ad associazioni benefiche preziose per il sociale, come Unicef,  A.A.N.T. e l'Opera Padre Marella, consapevoli che l'unione fa la forza, nella speranza di sostenere chi, dell'aiuto ai meno fortunati, ne ha fatto una missione. Ci siamo appassionati a piccole storie locali ma abbiamo anche cercato di guardare lontano, come quando con AMREF abbiamo costruito un pozzo in Kenia nell'anno 2000 e uno nel 2008.

I giovani e le speranze per il futuro

Oggi più che mai ci sta a cuore il futuro dei bambini e dei ragazzi, in un Paese che da molti viene definito un "Paese per vecchi". Proprio per questo negli ultimi anni, ogni volta che abbiamo sentito di voler dare il nostro sostegno a chi ne potesse avere bisogno, i giovani sono stati il nostro primo pensiero: non solo, in primis, quelli che soffrono e si trovano in ospedale, ma anche gli studenti brillanti che magari non hanno le possibilità economiche di proseguire gli studi, o ancora i ragazzi che nel loro tempo libero si dedicano a uno sport di squadra, che li forma aivalori della collaborazione e dell'impegno per un obiettivo comune.

Insieme a FA.NE.P. per i bambini del reparto di Neuropsichiatria Infantile del Policlinico Sant'Orsola Malpighi di Bologna

Nel 2012, grazie principalmente all'impegno e alla passione dell'associazione FA.NE.P. e del prof. EmilioFranzoni, è stato ampliato e ristrutturato il padiglione che ospita i giovani pazienti di Neuropsichiatria Infantile del Sant'Orsola. Il gruppo Dipierri è orgoglioso di aver partecipato al progetto nella concreta realizzazione dei lavori e attraverso un significativo contributo economico.

Il futuro in una borsa

Negli anni 2010 e 2011, in collaborazione con alcuni istituti superiori del comune di San Lazzaro di Savena, abbiamo istituito un fondo per studenti meritevoli che è stato utilizzato per assegnare borse di studio a ragazzi  in situazioni di difficoltà familiari ed economiche e per altri interessanti progetti come un esperimento di peer education. Nel caso dell'assegnazione delle borse, per evitare che l'iniziativa si riducesse alla presentazione di una domanda, grazie alla collaborazione delle scuole è stato possibile istituire una commissione interna formata da studenti, che ha definito i requisiti e partecipato alla definizione dei beneficiari. La peer education, invece, ha stabilito una continuità d'impegno l'anno successivo, testando però un'iniziativa diversa e originale, che ha visto studenti delle classi III e IV superiori impegnarsi come tutor per le attività di recupero di giovani "colleghi" in difficoltà delle classi inferiori.  

Gioco di squadra

Volevamo sostenere anche i ragazzi che allenano con lo sport le loro capacità di collaborazione e di gioco di squadra, e, insieme ad altri sponsor, abbiamo scelto le ragazze della squadra di pallavolo San Lazzaro VIP, nella speranza che la nuova maglia sia un efficace porta fortuna!